Come richiedere la voltura con il Servizio Elettrico Nazionale

Servizio Gratuito: 4,8/5  su Trustpilot ⭐⭐⭐⭐⭐


Servizio Gratuito: 4,8/5  su Trustpilot ⭐⭐⭐⭐⭐


Sommario Per richiedere il cambio nome sul contratto luce e gas è necessario richiedere la voltura delle utenze con il Servizio Elettrico Nazionale (se il contatore era attivo con questo fornitore). Questa operazione è veloce, non richiede grandi sforzi, e ha un costo pari circa a 70 euro.

Come fare Voltura Servizio Elettrico Nazionale: il riassunto

Si richiede la voltura quando è necessario effettuare un cambio dell’intestatario sul contratto di luce e gas senza interruzione della fornitura. È un’operazione semplice, e anche abbastanza economica. Infatti:

Il costo della voltura con il servizio elettrico nazionale è pari a 77€ – tariffa per il mercato tutelato dove si deve pagare:

  •  23 euro + IVA di costi fissi
  • + un’imposta di bollo di 16€ per i clienti nel Mercato a Maggior Tutela;
  • 25,81 euro + IVA per oneri amministravi, richiesti dal distributore

Il tempo minimo per eseguire la voltura SEN é di circa 4 giorni lavorativi, però essendo un’operazione semplice non richiederà tempistiche lunghe.

Quando effettuare la voltura con il Servizio Elettrico?

La prima cosa da fare prima di muoversi per effettuare il cambio di intestatario del contratto di fornitura è verificare di conoscere le procedure e scegliere l’operazione giusta da richiedere.

Innanzitutto, dovrai eseguire la voltura con il Servizio Elettrico Nazionale, nel caso in cui il contatore sia in questo momento attivo con lo stesso Servizio Elettrico Nazionale. Infatti, la voltura va sempre eseguita senza un cambio di fornitore.

Quali sono le operazioni possibili per cambiare intestatario del contatore?

  1. Voltura: cambio di intestatario del contratto di fornitura senza interruzione della fornitura, si effettua quando il contatore è attivo.
  2. Subentro: cambio di intestatario del contatore da effettuare quando il contatore è stato disattivato dal precedente inquilino.
  3. Allaccio: attivazione della fornitura luce e gas in una casa di nuova costruzione, l’operazione involve anche il distributore locale che deve allacciare il contatore alla rete.

Informazioni su volture, subentri e allacci del contatore con il Servizio Elettrico Nazionale le trovi su ProntoBolletta, il nuovo portale per toglierti qualsiasi dubbio sulla burocrazia nel mondo dell’energia.

Che documenti servono per la voltura servizio elettrico nazionale?

Per facilitare la richiesta Servizio Elettrico Nazionale voltura, è necessario che abbiate a portata di mano i seguenti documenti:

  • Modulo di Adesione (che il fornitore vi invierà non appena inoltrerete la richiesta di voltura), in cui dovrete riportare tutte le informazioni riepilogate nella sezione «Dati necessari»
  • Dichiarazione Regime Salvaguardia, ai sensi della Legge 125/07 – per i contratti usi diversi dalle abitazioni
  • Fotocopia del documento di riconoscimento dell’intestatario del contratto o del legale rappresentante (se persona giuridica)

Il consiglio è di preparare non solo i documenti elencati, ma anche di essere pronti a fornire i dati in elenco:

  • Numero cliente che potete trovare in prima pagina, in alto a sinistra, sotto i DATI FORNITURA sulla bolletta del precedente intestatario della fornitura di energia elettrica o sul contatore elettronico premendo il pulsante del display
  • Titolo abitativo – per i contratti uso domestico – che attesti la proprietà o il regolare possesso dell’immobile per il quale si richiede la fornitura di energia elettrica
  • Indirizzo di recapito dove inviare le bollette (Provincia, Comune, Località, Via e numero civico), se diverso da quello dell’abitazione/locale da allacciare
  • Uso della fornitura nel caso di contratto per usi diversi da abitazione
  • Indirizzo di recapito del cliente precedente, per inviare la bolletta di chiusura conto
  • Eventuali coordinate del conto corrente bancario/postale (nominativo e codice fiscale dell’intestatario del conto e codice IBAN) nel caso si scelga la domiciliazione delle bollette.

Come fare la voltura del servizio elettrico nazionale?

La richiesta di cambio intestatario del contratto luce Servizio Elettrico Nazionale va presentata al fornitore che in quel momento sta erogando il servizio, e di solito può essere:

  • una voltura servizio elettrico nazionale on line, con apposito modulo
  • una voltura telefonica, sempre nel rispetto delle modalità previste da ogni gestore

Il cliente che richiede la voltura deve dimostrare, anche tramite autocertificazione, di avere “titolo che attesti la proprietà, il regolare possesso o la regolare detenzione dell’unità immobiliare”.
Importante notare che nel passaggio da un fornitore all’altro è possibile passare dal Mercato Tutelato al Mercato Libero, come specificato sul sito ARERA, che trovate a questa pagina.

Avete appena cambiato casa, affittato un nuovo appartamento o un locale commerciale?
La prima cosa che dovete fare è attivare le utenze: nel caso della corrente elettrica è possibile che la fornitura sia ancora attiva, ma non a vostro nome. Quel che dovete fare è richiedere la voltura luce ossia il cambio di intestatario della fornitura. Con la guida completa Servizio Elettrico Nazionale, voltura vi accorgerete di quanto è semplice.

Una volta effettuato il passaggio di intestazione potrete poi scegliere tra due opzioni:

  • mantenere il contratto attivato in precedenza dal vecchio inquilino
  • cambiare fornitore scegliendo un’offerta più adatta alle vostre esigenze

Con la prima opzione, il tipo di contratto e le condizioni resteranno invariate. A cambiare sarà solo il nome dell’intestatario.
Proseguite con la lettura della guida per informazioni più dettagliate sul Servizio Elettrico Nazionale.

Scopri cosa serve per effettuare un subentro con il Servizio Elettrico Nazionale.

Vuoi richiedere la voltura delle tue utenze? Chiama ora un nostro esperto gratuitamente

02 94 75 67 37

Info

Quanto costa la voltura servizio elettrico nazionale?

Costo Voltura Servizio Elettrico Nazionale

La voltura con il Servizio Elettrico Nazionale costa 77€. Infatti per effettuare una voltura con il servizio Elettrico Nazionale, e quindi nel mercato tutelato e regolato da Arera, si deve pagare:

  • 25,81€ di contributi per oneri amministrativi (che vanno al distributore)
  • 23€ di contributo fisso
  • 13€ di IVA sulle due voci precedenti (22%)
  • 16€ di imposta di bollo sul nuovo contratto

Il costo della voltura luce, normalmente cambia a seconda del tipo di mercato cui fa riferimento il contratto:

  1. Mercato Tutelato (il caso del Servizio Elettrico Nazionale): in questo caso si dovrà prevedere un contributo fisso di 25,81 euro per oneri amministrativi (che vengono richiesti a favore del distributore), un contributo fisso di 23 euro e un’imposta di bollo sul nuovo contratto, nei casi previsti dalla normativa fiscale.
    In particolare, al cliente viene anche richiesto – al momento della conclusione del contratto – un deposito cauzionale o altra garanzia equivalente (il deposito cauzionale non può essere addebitato al cliente che richieda la domiciliazione bancaria o su carta di credito della bolletta).
  2. Mercato Libero: in questo caso invece (ma non per i clienti del Servizio Elettrico Nazionale), i clienti dovranno corrispondere al fornitore un contributo fisso di 25,81 euro per oneri amministrativi più un eventuale addebito dei costi per la prestazione commerciale come previsto dai singoli contratti. Il fornitore è libero di richiedere al cliente, al momento della conclusione del contratto, un deposito cauzionale o altra garanzia e – nei casi previsti dalla normativa fiscale – il pagamento dell’imposta di bollo.

Scoprite le tariffe previste dal Servizio Elettrico Nazionale.

Costo della voltura

Il costo della voltura nel Mercato Libero e in quello Tutelato sono simili. Nel mercato Libero il prezzo può però variare da fornitore a fornitore.

Quanto ci vuole ad effettuare una voltura?

voltura servizio elettrico nazionale Anche in questo caso la risposta è variabile, perché le tempistiche della voltura variano a seconda che questa sia semplice o con annesso cambiamento del fornitore.

Queste le tempistiche base: il fornitore, entro 2 giorni lavorativi dal ricevimento della richiesta completa di tutti i dati, è obbligato a comunicare al cliente l’accettazione della voltura. Se tutto è regolare, per la registrazione della voltura occorrono almeno 2 giorni lavorativi dalla comunicazione del gestore, quindi il tempo tecnico minimo è pari a 4 giorni lavorativi dalla richiesta del cliente.

Modulistica voltura servizio elettrico nazionale

Tutti i moduli che andranno compilati per la voltura Servizio Elettrico Nazionale sono a disposizione sul sito del Servizio Elettrico Nazionale, tranne il Modulo di Adesione che verrà inviato direttamente a casa (per cui trovate comunque le istruzioni di compilazione).

Se invece foste alla ricerca di un numero per voltura servizio elettrico nazionale? Potete contattare il Servizio Elettrico Nazionale.

Perché è importante cambiare fornitore dopo aver effettuato la voltura con il Servizio Elettrico Nazionale?

Il passaggio al mercato libero dal 2023

Cosa succederà nel 2023? Il mercato di Maggior Tutela (quello dove opera il Servizio Elettrico Nazionale) verrà abolito, ed al suo posto si potrà solo attivare un’offerta nel Mercato Libero.

Per questo motivo, se sei Cliente del Servizio Elettrico Nazionale il 1 Gennaio del 2023 verrai girato ad un’offerta random sul Mercato Libero. Inoltre nel Mercato Libero si trovano offerte più convenienti che nel Mercato Tutelato.

Per questo motivo, dopo aver effettuato la voltura con il Servizio Elettrico Nazionale, puoi rivolgerti ad uno dei nostri esperti e attivare la tua fornitura con il miglior contratto disponibile sul mercato libero.

Verificare la voltura servizio elettrico nazionale: come fare?

Inoltrata la richiesta, potreste chiedervi qual è lo stato della vostra voltura servizio elettrico nazionale. Per avviare una verifica non si deve fare altro che andare sul sito del Servizio Elettrico, accedere all’Area Clienti nella sezione “Richiedi una verifica” e da lì richiedere un check del corretto funzionamento del contatore. E vedi come effettuare l’autolettura del contatore Servizio Elettrico.

Che differenza c’è tra subentro e voltura delle utenze?

Voltura e Subentro delle utenze luce e gas sono due operazioni di cambio dell’intestatario del contatore. La differenza tra le due è nella continuità della fornitura. Infatti nella voltura non si ha mai un’interruzione della fornitura, ma il nuovo inquilino/intestatario diventa il nuovo contraente con lo stesso fornitore di luce e gas.

Nel caso del subentro invece, il precedente inquilino aveva disdetto il contratto. Quindi il nuovo inquilino dovrà, con il subentro, riattivare il contatore e aprire un nuovo contratto. Il subentro può essere fatto con qualunque fornitore, mentre la voltura si può effettuare solo con il fornitore con cui era attivo il contatore.

Che differenza c’è tra Enel e servizio elettrico nazionale?

Enel Energia e Servizio Elettrico Nazionale sono due società parte del gruppo Enel. Le due società sono state separate nel 2001 a seguito della legge Bersani per la liberalizzazione del mercato dell’energia. Oggi, Enel Energia opera nel mercato libero dell’energia, mentre il Servizio Elettrico Nazionale gestisce i clienti del mercato di Maggior Tutela.

E per disdire il contratto?

Vi consigliamo di fare attenzione perché – come spiegato nella guida – la voltura non è una disdetta del contratto luce, quindi le due cose non vanno confuse. Vi invitiamo ad approfondire in separata sede le modalità e i dettagli per la disdetta del contratto luce con SEN.

Chiama per richiedere la voltura del contatore, per cambiare intestatario senza interrompere la fornitura

02 94 75 67 37

Info

Aggiornato su 14 Set, 2021

redaction La redazione di Prontobolletta
Redactor

Gaia V.

Content Marketing

Commenti

bright star bright star bright star bright star grey star

Per saperne di più sulla nostra politica di controllo, trattamento e pubblicazione dei commenti leggi le nostre menzioni legali.