Tariffe luce nel Mercato Tutelato 2022: cosa devi sapere

Annuncio: Servizio Gratuito. 4,8/5  su Trustpilot ⭐⭐⭐⭐⭐


Annuncio: Servizio Gratuito. 4,8/5  su Trustpilot ⭐⭐⭐⭐⭐


Sommario In tema di tariffe luce, il mercato tutelato è destinato a scomparire nel 2022, a seguito della completa liberalizzazione del mercato energetico. Ad oggi i clienti del mercato tutelato, godono di una condizione di “tutela” beneficiando di condizioni economiche e prezzi fissati dall’autorità competente ARERA. Tali prezzi però sono spesso più alti di quelli nel mercato libero.

Mercato tutelato e Mercato Libero: le differenze

Da anni si vocifera che il mercato tutelato dell’energia dovrà essere abbandonato in favore del mercato libero. Ma cosa significa e cosa comporta esattamente questo passaggio?

Che cos'è il mercato Tutelato

Il mercato tutelato dell’energia è la condizione in cui i consumatori hanno accesso all’energia alle condizioni economiche e contrattuali fissate dall’autorità per l’energia.

Il prezzo dell’energia nel mercato tutelato è definito ogni 3 mesi da ARERA sulla base dell’andamento del mercato e sul prezzo delle materie prime.

Ricorda che questa condizione di tutela è però destinata a finire a breve, perché la prospettiva è quella di una liberalizzazione completa del mercato dell’energia entro il 2024.

Il mercato dell’energia

Concretamente, la “tutela” è la condizione che garantisce, a tutti quei consumatori che non hanno ancora aderito al mercato libero, contratti energetici in cui il prezzo dell’energia è calibrato ogni 3 mesi da ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambienti) in base al valore delle materie prime sul mercato e alle tariffe.
Il mercato dell’elettricità, luogo in cui vengono condotte le transazioni relative all’elettricità, è stato istituito in Italia a seguito del decreto legislativo n. 79 del 16 marzo 1999 (“Decreto Bersani”) come parte dell’attuazione della direttiva UE sulla creazione di un mercato interno dell’energia (Direttiva 96/92 / CE abrogata dalla Direttiva 2003/54 / CE).
Il mercato dell’elettricità è suddiviso in:

  • Mercato diurno – MGP
  • Intra-Day Market – MI
  • Mercato dei servizi di dispacciamento – MSD

In MGP e MI – detti anche mercati dell’energia – produttori, grossisti e clienti finali, nonché Acquirente Unico (AU) e Gestore dei Servizi Energetici (GSE) acquistano e vendono quantità all’ingrosso di energia elettrica per il giorno successivo.
Questi mercati, gestiti da Gestore dei Mercati Energetici (GME), definiscono i prezzi marginali di sistema ai quali viene scambiata l’energia.

Che cos’è il mercato libero?

Mercato libero

Le prima ipotesi di mercato libero prendono vita nei primi anni ’90 con il decreto Bersani e conclusosi nell’agosto del 2017 con l’approvazione del ddl Concorrenza da parte del Senato.
L’entrata in vigore del mercato libero significa che dal 2024 (dopo numerosi rinvii) il mercato sarà determinato dalle società elettriche che offriranno, in concorrenza tra loro, diverse soluzioni contrattuali ai consumatori e non ci sarà più l’authority di Stato a controllare i costi dell’energia.

Mentre nel mercato energetico le tariffe le decide l’autorità dell’energia trimestralmente, nel mercato libero l’utente negozierà le tariffe con il fornitore. Come per il settore della telefonia, l’utente potrà scegliere la soluzione che ritiene più conveniente per le sue esigenze.
Scopri tutte le offerte luce del mercato libero.
È importante non dimenticare che la differenza tra mercato libero e mercato tutelato dell’energia riguarda solo la parte di fornitura e quello che ne comporta in bolletta, ma tutto il resto, quindi contatore e le imposte sono uguali in entrambi i regimi.

Chiamaci gratuitamente per scoprire le offerte esclusive per cambiare il libero mercato risparmiando fino a € 250!

02 94 75 67 37

Info

Tariffe luce: quando e come passare al mercato libero

Oggi, il consumatore ha la possibilità di scegliere tra due opzioni anche se, alla fine, dovrà entrare nel mercato libero. Vediamole insieme.

  • La prima opzione è quella di passare subito al mercato libero. Per esempio, sul portale di Eni gas e luce il cittadino può scegliere tra moltissime offerte e scegliere ciò che soddisfi maggiormente le sue necessità. In questo modo, in pochi passaggi e senza dover compilare moduli impegnativi, si può scegliere la tipologia di contratto più conveniente ed entrare nel mercato libero.
  • La seconda opzione è quella di posticipare l’entrata nel mercato libero e rimanere sotto il mercato tutelato fino al 2024. Contrariamente a quello che dicono alcuni call center per ottenere nuovi abbonati, chi sceglie questa soluzione non incorre in nessuna sanzione, semplicemente posticipa la scelta.

Il passaggio al mercato libero

I cambiamenti portano spesso ad una certa paura ma aderire al mercato libero può teoricamente essere una buona opportunità per il consumatore. Non ci saranno interventi in casa o sul contatore, il servizio viene garantito e non ci sarà nessun tipo di interruzione. A livello pratico, il passaggio non comporta particolari complicazioni; una volta sottoscritto il contratto con il fornitore prescelto la procedura viene avviata e l’utente non deve fare più niente. Quindi, è bene iniziare a cercare la soluzione migliore.

Per tutti coloro che sono ancora nel mercato tutelato dell’energia, facciamo un esempio: la nuova offerta di Eni gas e luce SceltaSicura, un’offerta luce che offre subito uno sconto sulla componente energia del prezzo tutelato luce valido fino al 31/03/2023. Dal 01/07/2022 il Prezzo Energia tutelato luce del 1° trimestre 2022 resta bloccato fino a fine 2022.

Tariffe luce e gas mercato tutelato: i costi

Offerte luce e gas mercato tutelato

Per comprendere come cambia il prezzo delle tariffe luce tra il mercato libero e il servizio tutelato, per prima cosa occorre comprendere come viene effettuato il calcolo dei costi in quest’ultimo caso: essendo questo unico, infatti, consente una più facile comprensione dei meccanismi che permettono all’utente di utilizzare l’energia elettrica in casa.
Anzitutto, quindi, occorre comprendere che per arrivare all’utente finale, l’energia elettrica deve effettuare tre passaggi.

  1. Il primo passaggio è quello della GENERAZIONE, durante il quale viene prodotta l’energia elettrica. In Italia l’energia elettrica viene prodotta soprattutto da fonti non rinnovabili (gas naturale e petrolio in primis) anche se le nuove energie rinnovabili, come l’energia eolica o idroelettrica, stanno facendo passi da gigante
  2. Il secondo passaggio, il più complesso, è quello del TRASPORTO per il raggiungimento di determinate aree di accumulo. L’Italia, infatti, non riesce a produrre tutta l’energia necessaria alla nazione per cui ne deve importare parte dai Paesi vicini: questo, ovviamente, può far aumentare i costi sulla bolletta relativa proprio al trasporto
  3. Infine, il terzo passaggio è quello della DISTRIBUZIONE. Qui l’energia passa dai fornitori ai consumatori.

Nel servizio di maggior tutela, tutti i costi legati ai tre differenti passaggi sono definiti in maniera precisa e trasparente dall’ARERA.

In generale, l’Autorità di regolamentazione italiana per l’energia, le reti e l’ambiente (ARERA) svolge attività di regolamentazione e vigilanza nei settori dell’elettricità, del gas naturale, dei servizi idrici, del ciclo dei rifiuti e del teleriscaldamento.

Scopri le offerte del fornitore Eni per quanto riguarda il mercato di maggior tutela, nel nostro articolo dedicato sulle tariffe luce del gestore.

ARERA ogni tre mesi aggiorna i prezzi di vendita dell’energia valutando i costi di quest’ultima all’interno dei mercati. Nello specifico, viene preso in considerazione l’andamento delle quotazioni delle due materie prime necessarie per la produzione di energia, ossia il petrolio e il gas. Non vi è interesse privato come nel caso delle tariffe luce.

Le voci in bolletta

La spesa mensile e, a sua volta, quella annuale, derivano dalla somma di:

  • Spesa per la quota potenza ➝ è di € 21,24 annui moltiplicati per ogni kilowatt di potenza impegnato. In media, data la prevalenza dei contatori trifase da 3 kW, ammonta quindi a €  63,72 annui
  • Spesa per la materia energia ➝ nel 2° trimestre del 2021 ammonta ad un totale di all’incirca € 72 annui. È composta da una quota fissa (la spesa per l’energia importata, ovvero una spesa fissa all’anno che non dipende dai consumi)e da una quota variabile (legata ai consumi). Infine alla quota fissa si deve aggiungere la spesa per trasporto e gestione del contatore e il canone della RAI più una gli oneri di sistema per i non residenti (adesso è di circa € 124 annui).

ARERA, il tuo punto di riferimento

Per ogni ulteriore informazione su tariffe energia elettrica mercato maggior tutela, puoi far riferimento ad ARERA.


Istituito dalla legge n. 481 del 1995, ARERA è un’autorità amministrativa indipendente che opera per garantire la promozione della concorrenza e l’efficienza nei servizi di pubblica utilità e proteggere gli interessi degli utenti e dei consumatori.

Fornisce servizi di consulenza al governo e al Parlamento nelle materie di sua competenza, anche ai fini della definizione, del recepimento e dell’attuazione della legislazione dell’UE.

Queste funzioni sono svolte bilanciando gli obiettivi economici e finanziari degli operatori con obiettivi sociali generali, per la protezione dell’ambiente e l’uso efficiente delle risorse. Le risorse per il funzionamento dell’Autorità non provengono dal bilancio dello Stato ma da un contributo calcolato sulle entrate degli operatori regolamentati che derivano dalle tariffe luce.

Tariffe luce: le operazioni sulle utenze

Con la fine del mercato di maggior tutela, diventerà più frequente cambiare fornitore, un po’ come facciamo oggi giorno con i contratti di telefonia. Le operazioni che ti aiutano nei diversi cambi di fornitore o di intestatario sono:

L’allaccio del contatore

Questa operazione serve ad allacciare il nuovo contatore in un appartamento dove non sia mai stato attivato prima, per esempio in una casa di nuova costruzione. Scopri come funziona l’allaccio della rete elettrica e l’allaccio del gas.

Il subentro

Come cambiare intestatario di un contratto luce e gas quando ti trasferisci e il precedente inquilino ha regolarmente disattivato l’utenza.

Scopri di più sul subentro della luce e sul subentro della rete gas.

Tariffe gas mercato tutelato

Tariffe Mercato Tutelato

Ad oggi, quali sono le offerte gas del mercato tutelato? Se non hai ancora effettuato il passaggio al mercato libero, probabilmente le tue forniture energetiche sono gestite dal servizio di maggior tutela.

Prima di scoprire quali sono le tariffe gas più convenienti è molto importante ricordare una cosa.

Mentre l’energia elettrica tutelata è gestita dal gruppo Enel Servizio Elettrico Nazionale, per i servizi tutelati del gas non c’è un solo gestore a cui affidare la propria fornitura. Infatti le tariffe gas del mercato tutelato possono essere proposte da qualsiasi fornitore.

Per questo motivo, al fine di evitare spiacevoli sorprese in bolletta è bene che tu sia aggiornato sui prezzi e sulle varie proposte.

Tieni a mente però che le condizioni economiche e contrattuali delle forniture gas nel servizio di tutela sono regolate dall’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente, specificatamente:

  • cambiano ogni tre mesi
  • sono diverse per aree geografiche

A titolo di esempio ecco quali sono le condizioni economiche per i clienti domestici di gas con un consumo annuale di 1,400m³ del servizio di tutela nel I trimestre 2022:

  • materia gas naturale 58,62 c€/Smc
  • imposte 21,93 c€/Smc
  • trasporto e gestione del contatore 14,96 c€/Smc
  • oneri di sistema 1,34 c€/Smc

Vediamo ora alcuni fornitori di maggior tutela per il gas, nel dettaglio:

  • Eni Gas maggior tutela
  • Acea Energia tutela gas

Eni Gas in regime di maggior tutela

Tariffa Gas Regolata è l’offerta di Eni Gas per i clienti in regime di maggior tutela. L’offerta prevede per la propria fornitura:

  • condizioni economiche e contrattuali per il gas stabilite dall’ARERA
  • servizi online come controllo spese, consumi e informazioni
  • domiciliazione bancaria, addebito diretto su conto corrente
  • bollette digitali via mail gratuite

L’offerta Tariffa Gas Regolata di Eni è disponibile anche per i condomini.

Acea Energia Tutela Gas

Tutela Gas è l’offerta di Acea Energia riservata agli utenti domestici e ai condomini ad uso domestico in regime di tutela.

L’offerta è così composta:

  • condizioni economiche e spese annue regolate dall’ARERA
  • metodi e canali di pagamento come domiciliazione bancaria/postale, online tramite area
  • riservata e app, ricevitorie e tabaccherie e carta postepay
  • diritto di ripensamento entro 14 giorni

Enel mercato tutelato con offerte del Servizio Elettrico Nazionale

L’amministrazione e la vendita di energia elettrica nel mercato di maggior tutela è gestita dal Servizio Elettrico Nazionale, società italiana controllata dal gruppo Enel.

In questo caso, le tariffe per il costo dell’elettricità vengono decise dall’ARERA e sono divise in biorarie e monorarie.

Ad ogni modo, grazie al Servizio Elettrico Nazionale è possibile accedere a offerte:

  • per uso domestico
  • per piccole e micro imprese
  • illuminazione pubblica

Con riferimento ai clienti per uso domestico a bassa tensione e al I trimestre 2022, ecco quali sono le tariffe base:

  • monorarie il prezzo dell’energia ammonta a 0,192480 €/kwh
  • biorarie il prezzo cambia in base alle fasce di utilizzo, per F1 il prezzo è di 0,206500, al contrario per la fascia F23 il costo è di 0,185220 €Kwh

La tariffa base trioraria del Servizio Elettrico Nazionale si basa su diversi periodi di consumo e tiene conto del mese di utilizzo, nel dettaglio

  • ottobre 2021, nella fascia F1 il costo è di 0,200750 €Kwh, per la fascia F2 è di 0,197120 €Kwh, invece per la fascia F3 è di 0,170850 €Kwh
  • novembre 2021, il prezzo dell’energia nella fascia F1 è di 0,208950 €Kwh, F2 di 0,199500 €Kwh infine F3 di 0,173380 €Kwh
  • dicembre 2021, per la fascia F1 il prezzo dell’energia è di 0,209140 €Kwh, in F2 è di 0,202340 €Kwh, per ultimo in F3 0,174160 €Kwh

Per maggiori informazioni, consulta anche il sito dall’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente.

La voltura

E’ sempre un cambio intestatario, ma nel caso in cui il contatore sia rimasto attivo. Si può eseguire una voltura della luce  o la voltura del gas.

Chiamaci e i nostri esperti ti aiuteranno a passare al mercato libero senza costo per te.

02 94 75 67 37

Info

Aggiornato il 25 Gen, 2022

redaction La redazione di Prontobolletta
Redactor

Alessandro S.

Redattore Energia

Commenti

bright star bright star bright star bright star grey star

Per saperne di più sulla nostra politica di controllo, trattamento e pubblicazione dei commenti leggi le nostre menzioni legali.