Gestore dei Mercati Energetici: cos’è, cosa fa e come funziona il GME

Annuncio: Servizio Gratuito. 4,8/5  su Trustpilot ⭐⭐⭐⭐⭐

Annuncio: Servizio Gratuito. 4,8/5  su Trustpilot ⭐⭐⭐⭐⭐

Sommario: Scopri cos’è il Gestore dei Mercati Energetici (GME) , come funziona, quali sono i suoi compiti e come influisce sul prezzo finale della luce in bolletta.

Se hai eseguito ricerche su nuovi fornitori o se hai cercato approfondimenti sul mercato energetico, ti sarai sicuramente imbattuto nella sigla GME. Il Gestore dei Mercati Energetici è una figura molto importante per l’organizzazione e la gestione economica del mercato dell’energia.

In questo articolo ti illustreremo, per prima cosa, di cosa si tratta e quali sono i compiti di questa società, in questo modo ti sveleremo anche il funzionamento del mercato dell’energia in Italia. Inoltre ti spiegheremo quali sono gli effetti della sua azione sul costo finale della materia prima energia e come questo influisca sulla tua bolletta. Infine ti illustreremo come utilizzare il sito web del Gestore dei Mercati Energetici e quali sono i canali che puoi utilizzare per contattarlo.

Gestore dei Mercati Energetici: chi è e cosa fa?

Cos`è il GME Mercato elettrico? Il GME, ossia il Gestore dei Mercati Energetici, si occupa della gestione economica e dell’organizzazione del mercato dell’energia in Italia. Dal 2009 è anche noto come Gestore del Mercato Elettrico in quanto promuove la concorrenza fra fornitori e allo stesso tempo garantisce un’adeguata quantità di potenza nella rete. Per permettere ai tanti competitor esistenti di operare nel mercato libero, il GME svolge un ruolo fondamentale gestendo:

  • l’intera rete elettrica nazionale, determinando da una parte il prezzo della luce e dall’altro calmierando il costo dell’energia elettrica;
  • la piattaforma di contrattazione che permette ai diversi competitor di determinare i prezzi del gas;
  • la piattaforma del mercato all’ingrosso di prodotti petroliferi liquidi;
  • il mercato elettrico, sia quello di luce per uso industriale sia quello dell’energia uso domestico;
  • la Piattaforma dei Conti Energia;
  • registrare i contratti a termine per l’acquisizione di energia, anche quelli stretti al di fuori del sistema delle offerte (PCE);
  • le certificazioni per l’energia pulita e altre iniziative volte a promuovere l’efficientamento energetico e il rispetto per l’ambiente;
  • il sistema di contrattazione e di scambio delle garanzie d’origine (GO) che permettono di identificare l’energia green, commercializzata da molti fornitori come Global Power.

Il GME e le Garanzie d’origine (GO)

Il GME, Gestore dei Servizi Energetici, rilascia le GO ovvero le garanzie d’origine che servono a certificare l’energia green. Dunque, parliamo di fonti di energia rinnovabili quali biomasse, maree, vento e irraggiamento solare. Le certificazioni vengono rilasciate, tramite l’apposito Portale Web, solamente a produttori che posseggono impianti qualificati e registrati. Per ottenere tali certificazioni GO gli impianti devono possedere caratteristiche normate dalla Direttiva 2009/28/CE.

Dopo aver verificato se l’impianto è conforme, il GME fornirà al produttore una certificazione GO per ogni MWh di energia elettrica rinnovabile immesso in rete. Tali titoli, che potranno essere rilasciati ogni mese e avranno validità un anno, saranno caricati sull’account di:

  • produttori di energia che ne faranno richiesta. Infatti sono molti i produttori che puntano sull’energia green, come ad esempio  CVA Trading;
  • imprese di vendita che hanno l’obbligo di poter dimostrare che l’energia proposta è effettivamente green e proveniente da fonti rinnovabili. Ad esempio, un Gruppo come Gala che propone offerte che utilizzano energia pulita, deve poter dimostrare che la luce fornita proviene da fonti rinnovabili;
  • trader di energia elettrica che ne fanno richiesta al Gestore dei Servizi Energetici.

La vendita di energia nel Mercato Italiano: come funziona?

La compravendita dell’energia elettrica è regolata dal Mercato elettrico italiano che è gestito e controllato dal GME, il Gestore del Mercato Elettrico. Questo mercato all’ingrosso è nato nel 1998 con il Decreto legislativo numero 99, detto Legge Bersani, che di fatto istituiva il mercato libero anche in campo energetico.

Tale provvedimento ha recepito una Direttiva della Comunità Europea, la 96/92/CE, volta alla creazione di un mercato interno dell’energia. Proprio grazie alla presenza di quest’ultimo e all’azione di GME, possono coesistere una molteplicità di nuovi fornitori accanto a realtà storiche come Amet.

Tale mercato, gestito e controllato da GME, si divide in due macroaree principali:

  1. Mercato a Termine: dove avvengono gli accordi bilaterali per la compravendita dell’energia elettrica tra i diversi operatori del settore. Qui avviene la contrattazione fra i produttori e i fornitori, come ad esempio Amaie Energia, per la fornitura di energia elettrica per periodi di tempo determinati;
  2. Mercato a Pronti: in un mercato di questo tipo la compravendita avviene in maniera totalmente differente rispetto a quello a termine. Infatti, qui non c’è una contrattazione diretta fra due parti, ma l’operatore propone al mercato un prezzo dettato dalla proporzione fra domanda e offerta. Per questa ragione il mercato a pronti può essere definito come una Borsa dell’Energia.

A sua volta, il Mercato a Pronti, forse la tipologia più diffusa, si divide in due categorie principali:

  • Mercato del Giorno Prima: tutti gli operatori autorizzati possono trattare sul prezzo dell’energia elettrica per il giorno successivo;
  • Mercato Infragiornaliero: prevede 7 sessioni di contrattazione al giorno, in cui produttori e fornitori potranno trattare sul prezzo dell’energia.

GME gestisce anche altre tipologie di mercati, in cui si scambiano sempre contratti di energia elettrica o gas, ma con altre modalità. Ad esempio nel mercato dei servizi di dispacciamento il prezzo non viene fornito direttamente dall’operatore, ma utilizzando la formula del Pay as Bid. Tale sistema per determinare il prezzo dell’energia si concentra sull’offerta senza considerare la domanda.

GME e bolletta: che impatto ha?

Molto probabilmente ti starai interrogando sull’impatto che può avere l’azione del GME sulla tua bolletta dell’energia elettrica o del gas. In altre parole, potresti chiederti se il Gestore dei Mercati Elettrici influenza il tuo risparmio energetico agendo sul costo della componente energetica. La risposta è sì, l’azione del GME ha grosse ricadute sul prezzo di acquisto di energia elettrica da parte dei fornitori e di conseguenza anche sul prezzo di vendita al cliente finale.

Impatto sul PUN oggi GME

La maggior parte dell’energia elettrica venduta ai consumatori italiani viene acquistata sul mercato dell’energia, in particolare sul Mercato del Giorno Prima. E come abbiamo visto su questa particolare tipologia, il GME esercita un controllo diretto, fungendo da calmiere e da garante per le trattative e per le certificazioni.

Quindi, tutte le offerte luce del mercato libero risentono di questa oscillazione dei prezzi. Il GME influisce anche sulle offerte indicizzate al PUN, in quanto intermediario fra domanda e offerta, e perciò ha un grande effetto sul prezzo finale dell’energia. Il PUN oggi , quindi, è influenzato anche dal GME Mercato Elettrico.

Tutte le azioni di gestione e controllo del GME che abbiamo elencato finora si riferiscono al mercato libero, ma la sua influenza si avverte anche sul Mercato di Maggior Tutela. Infatti l’Ente agisce anche sul PUN oggi, ovvero l’indice dei prezzi all’ingrosso che deve essere utilizzato nelle trattative fra compratore e fornitore. Su questo dato ogni trimestre viene calcolato il prezzo della materia prima energia sul mercato tutelato.

Cosa fare sul sito del Gestore dei Mercati Energetici?

Sul sito del Gestore dei Mercati Energetici potrai documentarti sull’andamento del Mercato italiano, riuscendo così a comprendere meglio le oscillazioni dei prezzi dell’energia. Infatti qui potrai consultare:

  • i grafici aggiornati che mostrano i trend del mercato;
  • l’andamento del Prezzo Unico Nazionale (PUN);
  • le novità della Borsa dell’Energia e del mercato energetico nazionale;
  • gli aggiornamenti del GME;
  • gli eventi in programma del Gestore dei Mercati Energetici;
  • un glossario completo di tutti i termini utilizzati del sito che ti permetterà di comprendere a fondo un lessico spesso complicato e comprensibile solo agli addetti ai lavori.

Newsletter del GME: come iscriversi dal sito ufficiale

Sul sito ufficiale del Gestore dei Mercati Energetici è possibile iscriversi alla Newsletter del GME, uno strumento che può rivelarsi molto per coloro che sono interessati ad approfondire gli argomenti relativi all’ambito energetico.

Attraverso la Newsletter puoi leggere sul tuo dispositivo le analisi dettagliate ed i commenti degli esperti riguardanti i trend dei mercati energetici e ambientali, sia a livello nazionale che Europeo. Questo contenuto è particolarmente utile per gli addetti ai lavori, ai professionisti del settore e le entità istituzionali.

Unendoti alla lista di contatti via email riceverai gratuitamente la newsletter che ti darà accesso diretto alle informazioni più rilevanti e aggiornate del settore energetico.

GME: tutti i contatti, gli uffici e gli orari

Come avrai capito, il motivo principale per consultare il sito del GME è conoscere il PUN, che incide sul prezzo finale della tua bolletta. Per farlo, puoi anche scaricare l’App ufficiale, in modo da avere sempre le informazioni che ti servono a portata di mano. Per qualsiasi altra esigenza, se hai bisogno di contattare il Gestore dei Mercati Energetici puoi:

CONTATTI GME
Numero Verde GME (da Telefono Fisso) 06 80 121
Fax GME 06 801 245 24
Mail (per informazioni generali) info@mercatoelettrico.org
Mail di posta elettronica certificata gme@pec.mercatoelettrico.org
Lettera, plico o documentazione Scrivendo a “Gestore Mercati Energetici, Viale Maresciallo Pilsudski 122/124, 00197 Roma (RM)

La sede legale del GME, che si trova in Viale Maresciallo Pilsudski 122/124 a Roma, non è uno sportello a cui rivolgersi per ricevere informazioni, ma a tale scopo puoi utilizzare uno degli altri contatti sopraindicati.

Di seguiro potrei trovare tutti gli altri Contatti GME Mercato elettrico:

ALTRI CONTATTI GME MERCATO ELETTRICO
Email GME Sala Mercato salamercato@mercatoelettrico.org
Email GME Sistema di Garanzia risk@mercatoelettrico.org
Email GME Informazioni tecniche e operative salamercato@mercatoelettrico.org
Email GME Contabilità dei Mercati contab@mercatoelettrico.org
Email GME Sistemi IT sistemi@mercatoelettrico.org
Email GME Servizio FTP ftp@pec.mercatoelettrico.org

In conclusione, se stai cercando un nuovo fornitore di energia elettrica ti consigliamo per prima cosa di controllare l’andamento dell’indice PUN sul sito del GME. Dopodiché ti suggeriamo di visitare questa pagina e iniziare a utilizzare il Portale Offerte, un valido strumento per confrontare le offerte luce presenti sul mercato energetico italiano.

Vuoi risparmiare su luce e gas? Ottieni la tua consulenza gratuita!

02 94 75 67 37

Info

Aggiornato su 31 Mag, 2024

redaction La redazione di Prontobolletta
Redactor

Matteo Bono

Project Manager SEO