Voltura Luce e Gas: Costi, Modalità e Tempistiche

Annuncio: Servizio Gratuito. 4,8/5  su Trustpilot ⭐⭐⭐⭐⭐

Annuncio: Servizio Gratuito. 4,8/5  su Trustpilot ⭐⭐⭐⭐⭐

Sommario: La procedura più comune per attivare una nuova offerta luce e gas è quella di rivolgersi semplicemente al fornitore. Tuttavia, ci sono alcuni casi in cui non basta richiedere una semplice attivazione, ad esempio, quando dobbiamo cambiare intestatario di una soluzione già attiva. In questo caso stiamo parlando della voltura luce gas.

VOLTURA LUCE e GAS
Costo 50€ circa + IVA
Tempistiche 5-7 giorni lavorativi

Proprio in questa sede approfondiremo tutte le informazioni utili al riguardo, dalle spese da sostenere alle tempistiche fino alla documentazione necessaria per portare la procedura a buon fine. Nel dettaglio, esploreremo i seguenti punti:

  • che cos’è la voltura luce gas
  • voltura luce e gas costi da affrontare
  • come fare la voltura delle utenze luce e gas
  • le tempistiche dell’operazione
  • la documentazione e la modulistica necessaria
  • la differenza tra la voltura gas e luce, il subentro e l’allaccio
  • la voltura luce e gas per decesso
  • come conoscere il fornitore di energia elettrica e gas per la voltura contatore

Voltura luce e gas: Che cosa sono?

Come prima cosa, vediamo che cos’è precisamente una voltura luce gas: si tratta di un’operazione per cambiare l’intestatario di un’utenza energetica.

Un esempio comune in cui si verifica è il trasloco in una nuova casa, per cui il nuovo inquilino desidera mantenere l’offerta già attiva. Tuttavia, per richiedere una voltura luce e gas è necessario che:

  • Presso l’indirizzo di fornitura sia installato un contatore. Se manca, sarà opportuno richiedere un allaccio gas e luce.
  • La fornitura sia in fase di utilizzo. Infatti, nel caso in cui sia presente un contatore in disuso allo stato attuale, bisogna fare domanda per una prima attivazione o un subentro luce e gas (se il contatore è stato utilizzato in passato).

L’operazione di voltura può essere eseguita sia in caso di cambio residenza, sia per un immobile preso soltanto in locazione.

Inoltre, il passaggio di intestatario non comporta alcuna interruzione di fornitura, anche in caso di voltura con cambio fornitore. Se devi effettuare una voltura ma desideri cambiare gestore, sappi che puoi fare sia la voltura sia il cambio offerta in una sola pratica. Si tratta di un’operazione resa possibile dalla delibera 135/2021/R/eel di ARERA, entrata in vigore nel 2021, consentendo agli utenti domestici che traslocano di accedere da subito alle offerte di loro interesse, evitando di pagare bollette non in linea con le loro necessità. Tramite questa procedura potrai ottenere il passaggio anche in tempi brevi, di massimo 5 giorni lavorativi circa.

Se hai un’azienda oppure un’attività per conto della quale vorresti eseguire la voltura, la procedura è la stessa: cambiano solo il modulo voltura luce e gas da compilare e parte della documentazione da presentare, che approfondiremo più avanti.

Ulteriori casistiche che riguardano tale pratica sono:

  • Voltura mortis causa, quando si esegue l’operazione a seguito del decesso dell’intestatario. Può essere richiesta dall’erede, dal convivente o da un parente fino al IV° grado di parentela.
  • Voltura a seguito di separazione/divorzio, che può essere richiesta dal coniuge assegnatario della casa dove è attiva la fornitura, compilando specifico modulo.

Scopri tutte le differenze tra voltura e subentro collegandoti alla pagina.

Quali sono i costi della voltura luce?

Una volta visto in generale in che cosa consiste l’operazione di voltura luce gas, vediamo quali sono i costi commerciali e amministrativi da sostenere. In realtà, non c’è una cifra fissa, ma il prezzo dell’operazione varia in base al tipo di mercato, che sia libero o tutelato (quest’ultimo gestito da ARERA). Dunque, scopriamo tutti i dettagli utili sui prezzi voltura luce e gas.

I costi della voltura luce nel mercato libero

COSTO VOLTURA LUCE MERCATO LIBERO
Contributo fisso 23,00€ circa + IVA
Oneri amministrativi tra i 20€ e i 60€ + IVA

Per quanto riguarda il costo della voltura luce e gas Enel, Eni Plenitude, Iren o con qualsiasi altro fornitore attivo sul mercato libero dell’energia, questo comprende:

  • Un contributo fisso di 23,00€ circa + IVA.
  • Una quota a discrezione del fornitore per quanto riguarda gli oneri amministrativi tra i 20€ e i 60€ + IVA.
  • Eventuale deposito cauzionale.

Se ad esempio devi realizzare una voltura Enel Energia, uno dei più rinomati provider sul mercato libero, pagherai una cifra affine ai prezzi indicati sopra. In più, qualora previsto, si dovrà aggiungere il deposito cauzionale. Si tratta di una somma di garanzia in caso di futuri mancati pagamenti: se questi non si verificano il fornitore sarà tenuto a restituire tutto.

I costi della voltura luce nel mercato tutelato

COSTO VOLTURA LUCE MERCATO TUTELATO
Quota fissa 23,00€ + IVA
Oneri amministrativi 25,81€ + IVA
Marca da bollo 16,00€

Se hai un’offerta attiva sul mercato tutelato dell’energia per cui è stata richiesta la voltura luce gas, la quota che dovrai pagare varia leggermente rispetto ai prezzi del mercato libero e comprende le seguenti spese:

  • Quota fissa una tantum di 23,00€ + IVA.
  • Contributo di 25,81€ per gli oneri amministrativi + IVA.
  • Marca da bollo di 16,00€.
  • Eventuale deposito cauzionale.

Dunque, il costo totale del servizio di voltura luce sul mercato tutelato è di 77€ in totale.

Leggi di più anche sui costi e le tempistiche dell’allaccio luce, collegandoti alla pagina.

Quali sono i costi della voltura gas?

Vediamo adesso quali spese comporta effettuare la voltura gas con una fornitura attiva sia sul mercato libero sia su quello tutelato.

I costi della voltura gas nel mercato libero

COSTO VOLTURA GAS MERCATO LIBERO
Costi di gestione 23,00€
Oneri amministrativi dai 30€ ai 45€
Marca da bollo 16,00€

Sul mercato libero i costi dell’operazione oscillano tra i 50€ e i 70€ e sono suddivisi in questo modo:

  • 23,00€ di costi di gestione.
  • Spese per gli oneri amministrativi che vanno dai 30€ ai 45€ e variano in base al listino di prezzi dell’impresa distributrice.
  • Marca da bollo di 16€ e deposito cauzionale qualora siano previsti.

Se ad esempio sceglierai di fare una voltura Wekiwi, pagherai circa questa cifra.

I costi della voltura gas nel mercato tutelato

COSTO VOLTURA GAS MERCATO TUTELATO
Spese di gestione 23,00€
Oneri amministrativi 27,00€
Marca da bollo 16,00€

Per quanto riguarda la voltura gas su una tariffa attiva sul mercato di Maggior Tutela, il prezzo complessivo è di circa 66€ e si suddivide in queste spese:

  • 23,00€ per le spese di gestione.
  • 27,00€ per gli oneri amministrativi.
  • 16,00€ di marca da bollo.

Scopri anche tutte le informazioni utili su costi e tempistiche del subentro gas, cliccando sul link.

Come si effettua la voltura luce e gas?

Prima di vedere come si effettua tale operazione, cerchiamo di capire a chi spetta la voltura delle utenze: secondo la procedura, la domanda per la voltura luce e gas deve essere portata avanti e monitorata dal nuovo inquilino quando compra o affitta una nuova casa. Quindi, se sei tu l’acquirente o l’affittuario dell’immobile presso cui è attiva l’utenza, dovrai fare tu richiesta di voltura gas e luce.

Nel caso in cui ci sia una morosità nei pagamenti non spetterà a te il saldo delle bollette precedenti: dovrai solo dichiarare di non essere stato presente nell’immobile né di essere stato convivente del cliente moroso, prima della data di attivazione del nuovo contratto. il nuovo intestatario è tenuto a saldare un eventuale debito solo in questi casi:

  • A seguito di voltura mortis causa.
  • Se è un familiare dell’inquilino moroso.

Tornando alla richiesta della voltura luce e gas, questa va presentata al proprio fornitore di riferimento, attraverso i canali di contatto, e fornendo tutta la documentazione utile che verrà richiesta e che approfondiremo più avanti.

Vediamo nel dettaglio le procedure su come fare una voltura luce e gas Eni Plenitude, Enel, Sorgenia o con qualsiasi altro provider sul mercato libero o tutelato.

Procedura per effettuare la voltura luce

Partiamo dunque dai passaggi per eseguire la voltura luce. Eccoli indicati di sotto:

  • Prima di tutto devi presentare al fornitore di riferimento la richiesta di voltura luce e gas online oppure tramite i canali di contatto alternativi, compilando un apposito modulo in tutti i campi richiesti.
  • Devi raccogliere la documentazione utile affinché la procedura vada a buon fine.
  • Fornire un codice IBAN per il pagamento.
  • Procedere con l’inoltro attraverso i canali di contatto indicati dal tuo provider.

Oltre ai tuoi dati anagrafici, contatti e il modulo precompilato, non dovrà mancare il codice POD, identificativo dell’utenza luce, composto da 14 cifre alfanumeriche e reperibile direttamente dalle bollette oppure dal contatore luce. In più, occorre comunicare anche i consumi dell’energia elettrica.

Inoltre, bisogna fornire una dichiarazione che attesti la regolare detenzione dell’immobile: qualora questa manchi il fornitore potrebbe rifiutarsi di eseguire l’operazione. In caso di morosità del precedente intestatario dovrai anche dichiarare di essere estraneo al debito, in modo da non avere responsabilità dei pagamenti arretrati.

Una volta inviati tutti i documenti necessari, potrai seguire l’iter registrandoti all’Area riservata online dei clienti del provider. In seguito, dovresti ricevere un’e-mail con la copia del contratto entro 2 giorni lavorativi dalla ricezione della domanda. Invece, se l’invio non è andato a buon fine a causa della mancanza di documenti, non sarà possibile concludere la pratica e dovrai procedere ad un’integrazione.

Procedura per effettuare la voltura gas

La voltura gas avviene seguendo lo stesso iter previsto per quella relativa alla luce. Cambia solo qualcosa riguardo la documentazione, per cui, oltre ai dati anagrafici, contatti, IBAN e indirizzo di fornitura dovrai presentare il codice PDR, composto anche questo da 14 cifre, che identifica la tua utenza e trovi in bolletta, e la destinazione di uso del gas.

Non dimenticare i dati catastali e la dichiarazione di legittima detenzione dell’immobile, che sia possesso, locazione o comodato d’uso. Senza i dati dell’unità interessata il fornitore può rifiutare l’esecuzione della pratica di voltura. In una situazione di morosità del precedente inquilino, dovrai anche produrre una dichiarazione di estraneità al debito.

Anche in questo caso, se il contratto è andato a buon fine, riceverai un’e-mail di conferma di presa in carico della pratica entro 2 giorni lavorativi. in caso contrario, ti sarà richiesto di integrare la documentazione mancante.

Scopri anche tutte le informazioni utili sulla voltura acqua, cliccando sul link.

Voltura Luce e Gas: Le Tempistiche

Una volta illustrato l’iter completo per l’attivazione di un cambio di intestatario con i principali fornitori luce e gas, vediamo quali sono i tempi previsti per la voltura.

Generalmente si va dai 4 ai 7 giorni lavorativi decorrenti dalla richiesta. Entro i primi due il fornitore si riserva di controllare la documentazione fornita e comunicare l’accettazione della domanda, Nei restanti, si attiva subito per registrare il nuovo contratto.

Inoltre, il passaggio di voltura luce e gas Sorgenia, Iren, Engie o con qualsiasi altro fornitore avverrà senza alcuna interruzione di fornitura.

Documentazione per fare la Voltura: Tutto il Necessario

Proseguendo con l’illustrazione della procedura specifica per richiedere la voltura luce gas, vediamo adesso quale documentazione serve per ottenerla.

Partendo dai clienti domestici bisogna presentare un modulo voltura luce e gas compilato in tutti i campi utili. Il documento è articolato in 4 parti:

  1. Sezione in cui inserire i dati anagrafici del nuovo cliente e quelli relativi all’indirizzo di fornitura.
  2. Parte dedicata alla richiesta di voltura, in cui ti sarà chiesto di inserire codice POD/PDR, autolettura dei consumi e dichiarazione di legittima detenzione dell’immobile.
  3. Dati relativi al pagamento, fornendo l’IBAN per l’addebito su conto corrente.
  4. Eventuale dichiarazione di estraneità a debiti riconducibili al precedente cliente.


Puoi reperire i moduli in due modalità:

  • Accedendo alla sezione modulistica sul sito del provider che prenderà in carico la pratica.
  • Ottenendoli direttamente via e-mail a seguito dell’inoltro della richiesta di voltura tramite i canali di contatto indicati dal fornitore.

Oltre all’apposito modulo, dovrai allegarvi tutta la documentazione necessaria per far andare la procedura a buon fine, ovvero:

  • Copie dei documenti d’identità del precedente e del nuovo intestatario del contratto.
  • Codice fiscale.
  • Codice cliente del precedente intestatario.
  • Contatti di telefono ed e-mail.
  • Indirizzo di fornitura e di recapito, se quest’ultimo è diverso.
  • Codici POD e/o PDR, che trovi sul contatore.
  • Codice IBAN per l’addebito dei costi.
  • Utilizzo del gas e lettura dei consumi.
  • Atto di notorietà che dichiari la regolare detenzione dell’immobile presso cui attivare la fornitura.

Per quanto riguarda imprese e Partita IVA, i documenti da raccogliere per la voltura energia elettrica e gas sono:

  • Ragione sociale del precedente e del nuovo intestatario.
  • Partita IVA dell’attività sia del precedente intestatario sia del richiedente.
  • Indirizzo di fornitura.
  • Dati catastali.
  • Codice POD e/o PDR, identificativi delle utenze luce e gas.
  • Lettura dei consumi del contatore.
  • Tipologia di utilizzo del gas.

Occorre sapere che l’elenco di questi documenti è puramente indicativo. Quindi, al momento della sottoscrizione del contratto ti consigliamo di verificare bene la documentazione precisa desiderata dal tuo fornitore, in modo che la pratica vada da subito a buon fine, senza intoppi.

Inoltre, a proposito dei moduli, occorre verificare quale sia quello di tuo interesse. Infatti ce ne sono specifici per utenze domestiche e per aziende. Infine, se la voltura interessa un solo servizio, dovrai accettarti di selezionare il modulo corretto tra luce e gas.

Differenza tra Voltura, Subentro e Allaccio

Abbiamo aperto quest’articolo con una spiegazione della usuale procedura di voltura luce e gas Iren, Eni Plenitude, Enel e tutti gli altri provider attivi sul mercato libero e tutelato. Riassumendo le sue caratteristiche:

  • È richiesta per effettuare un cambio di intestatario di un contratto di fornitura.
  • È necessario che il contatore luce e gas sia attivo.
  • Occorre fare il passaggio su un’offerta in corso d’uso.

Se non sono presenti queste condizioni, allora non potrai richiedere una voltura, ma:

  • Una prima attivazione, se il contatore luce e gas è installato nella tua nuova casa, ma non è mai stato attivato in precedenza.
  • Un allaccio gas e luce, nel caso in cui nel nuovo immobile non sia proprio presente un contatore, e quindi sarà necessario posarlo e collegarlo alla rete di distribuzione.
  • Un subentro luce e gas se presso l’utenza è presente un contatore luce e gas utilizzato in precedenza ma disattivato allo stato attuale.

Per le operazioni di allaccio e subentro, la documentazione da presentare è alquanto simile a quella della voltura. Mentre le principali differenze riguardano:

  • Le tempistiche di realizzazione.
  • La complessità dell’intervento.
  • I costi più alti.

Approfondiamo questi aspetti nei successivi paragrafi.

Subentro luce e gas

Partendo dal subentro, per fare richiesta della riattivazione del contatore luce e gas occorre contattare il fornitore con il quale vuoi attivare l’offerta, presentando insieme al modulo da compilare che ti sarà fornito:

  • I tuoi dati anagrafici con copia del documento d’identità.
  • Contatti telefonici ed eventuale indirizzo e-mail.
  • Codice POD e/o PDR.

Una volta inoltrata la pratica il fornitore si occuperà della riattivazione della fornitura che avverrà entro 7 giorni lavorativi per luce e 10 giorni lavorativi per il gas. Il subentro gas e luce ha un costo di:

  • 23,00€ di spese commerciali.
  • 25,00€ circa per gli oneri amministrativi relativi alla distribuzione della fornitura luce. Invece per il gas la cifra varia in base all’impresa distributrice di riferimento.
  • Marca da bollo da 16,00€.
  • IVA.
  • Deposito cauzionale qualora sia previsto.

Allaccio luce e gas

Invece, per quanto riguarda l’allaccio alla rete di distribuzione elettrica o del gas, l’iter è leggermente più complesso e si articola nei seguenti passaggi:

  • Invio della richiesta al fornitore che eroga l’offerta di tuo interesse.
  • Entro 2 giorni lavorativi il venditore comunica al distributore territoriale competente la tua domanda di allaccio.
  • Il distributore ti contatterà per un sopralluogo, in modo da stabilire la tipologia di lavori da realizzare.
  • In seguito, entro circa 20 giorni, il fornitore ti invierà un preventivo per i lavori da eseguire, che potrai accettare o rifiutare.
  • Una volta accettata l’offerta, potranno iniziare le operazioni di installazione del contatore.

I tempi per portare a termine l’allaccio luce e gas variano in base ai lavori da eseguire:

  • In caso di interventi semplici sono sufficienti 10 giorni lavorativi per concludere il tutto.
  • Se si prevedono lavori complessi potrebbero essere necessari fino a 60 giorni per portare a temine le operazioni.

Per quanto riguarda i costi, questi dipendono dalla tipologia di interventi che verranno eseguiti e anche dal listino prezzi previsto dall’impresa distributrice di riferimento.

Nel caso di cantieri edili, di fiere oppure altri eventi che hanno una stabilità limitata nel tempo, è possibile chiedere un allaccio luce temporaneo: si tratta di una procedura che può essere richiesta nella stessa modalità dell’allacciamento tradizionale, con la differenza che avrà durata a tempo determinato. Esistono principalmente due situazioni:

  • Per i cantieri edili, l’allacciamento all’energia elettrica può essere richiesto fino a 3 anni e può essere rinnovato per altri 3 anni per un totale di 6 anni.
  • Per altri utilizzi, come sagre, fiere o circhi, può essere fatta la domanda per l’allacciamento all’energia elettrica per il periodo massimo di 1 anno e può essere rinnovato per un altro anno, previa richiesta inviata nei tempi stabiliti.

Voltura Luce e Gas per decesso

Qualora l’intestatario di un’offerta luce e gas attiva sia deceduto si dovrà effettuare sulle utenze una voltura mortis causa, nota anche come voltura per decesso. Quest’operazione può essere richiesta solo sulle utenze di tipo domestico ed esclusivamente da:

  • il coniuge o il convivente della persona defunta.
  • un parente fino al IV° grado di parentela.
  • un erede dell’utente.

Non è obbligatorio essere residenti presso l’indirizzo di fornitura, tuttavia, dovrai compilare l’apposito modulo per richiedere la prestazione.

La voltura mortis causa è gratuita, e prevede solo la spesa per gli oneri amministrativi, il cui costo è deciso dal distributore competente a livello territoriale. Per richiederla puoi inviare il modulo compilato in tutti i campi obbligatori al fornitore di riferimento, che provvederà, entro i tempi stabiliti, ad eseguire l’operazione. In caso di debiti toccherà al nuovo intestatario provvedere al saldo.

Come conoscere il fornitore di gas ed energia elettrica per effettuare la voltura contatore?

A volte può capitare di non conoscere il fornitore luce e gas a cui richiedere la voltura contatore, sia a causa dell’irreperibilità del precedente intestatario, sia per smarrimento delle vecchie bollette. La situazione è facilmente risolvibile secondo queste due modalità:

  1. Rivolgersi al distributore locale, inviando una richiesta via fax al quale sarà fornita una risposta entro 30 giorni lavorativi.
  2. Contattare direttamente lo Sportello del Consumatore, servizio messo a disposizione da ARERA. Puoi compilare il modulo scaricabile direttamente dal sito, a cui dovranno essere allegate copie del documento d’identità e del contratto di compravendita o affitto. Lo Sportello fornirà una risposta entro 10 giorni lavorativi.


In quest’ultimo caso, la procedura risulta più semplice e veloce. Per reperire il modulo, ti basta collegarti a questa pagina.

Chiama GRATUITAMENTE i nostri esperti e inizia a risparmiare!

02 94 75 67 37

Info

Aggiornato su 25 Giu, 2024

redaction La redazione di Prontobolletta
Redactor

Arianna Lampitiello