Sharing Economy: arrivano i pannelli solari in affitto

La Sharing Economy può essere definita come un nuovo modello economico basato sulla condivisione piuttosto che sul possesso e l’acquisto di determinati beni e servizi. Basta pensare ai car sharing o alle bike sharing nelle grandi città, piuttosto che case, arredi di appartamenti e così via “in condivisione”. 

Da oggi anche i pannelli solari potranno essere affittati, entrando a fare parte dunque della sharing economy. Infatti, preso d’ispirazione dai paesi del Nord Europa, ora anche in Italia sarà possibile affittare un impianto fotovoltaico e istallare sul tetto della propria abitazione i pannelli solari, al fine di ridurre i costi per le famiglie e con lo scopo di passare a energie rinnovabili. 

Modus Group, attraverso l’azienda specializzata Green Genius ha proposto questo servizio. L’installazione dell’impianto è gratuita per le famiglie che decidono di usufruire di tale servizio, così come le spese per la manutenzione. Esse dovranno dunque pagare l’energia prodotta grazie ai pannelli solari a un prezzo agevolato che ammonta a 11 centesimi al kWh (paragonandolo a un prezzo medio dei più comuni fornitori pari a 20 centesimi di euro al kWh). 

 

 

Stime svolte da esperti nel campo arrivano ad affermare che il risparmio per una famiglia che decide di affittare tali pannelli solari può ammontare al 20% del totale dei costi per l’energia, se il tetto è posizionato in direzione sud, e quindi spesso esposto a luce solare.  

Trattandosi di affitto e non di acquisto, i pannelli solari non diventeranno di proprietà di chi li utilizza. Sarà dunque necessario solamente una disdetta del contratto per non usufruire più di tale servizio. L’impianto verrà dunque smontato a fronte di un rimborso relative alle spese di allaccio del contatore. 

Al fine di risparmiare effettivamente, le famiglie devono scegliere l’impianto adeguato in base alle loro esigenze. Il “fotovoltaico in affitto” è una opportunità di cui anche le aziende possono usufruire: infatti, nel caso di un esercizio commerciale che utilizza i macchinari tutto il giorno, quest’ultimo può raggiungere percentuali di autoconsumo pari all’80%, rendendo l’installazione dei pannelli estremamente vantaggiosa. 

Il passaggio al fotovoltaico a costo zero vuole dunque essere un vantaggio sia per i cittadini che per le aziende, in quanto stimolati a compiere scelte più sostenibili e dall’altra parte, avere la possibilità di risparmiare sulla bolletta della luce. Il non dover sostenere le ingenti spese relative alla installazione dei pannelli è un forte incentivo per tutti. L’obiettivo è dunque quello di promuovere il passaggio a energie rinnovabili, senza che esse abbiano grossi impatti economici su aziende o famiglie. 

Redactor

Scritto da gaiav

Aggiornato su 11 Giu, 2021

Commenti

bright star bright star bright star bright star grey star

Per saperne di più sul nostro processo di controllo e pubblicazione delle valutazioni