Nuovi contatori smart meters: quali sono i vantaggi?

Servizio Gratuito: 4,8/5  su Trustpilot ⭐⭐⭐⭐⭐


Sommario Nuovi contatori smart meters: guida completa sui nuovi contatori intelligenti in grado di comunicare l’autolettura. Come sono fatti e quali sono i vantaggi?

Nelle case degli italiani stanno gradualmente arrivando i nuovi contatori intelligenti, chiamati anche smart meters (o di seconda generazione o 2.0). Questo grazie a E-distribuzione che ha iniziato nel 2017 la sostituzione di oltre 32 milioni di apparecchi. Ma chi è E-distribuzione, come funzionano questi nuovi contatori smart meters e quali sono i vantaggi per i consumatori finali?

Questa guida è pensata per rispondere a queste domande e a molte a altre curiosità. Iniziamo subito facendo chiarezza su E-distribuzione, citata in apertura. Chi è e di cosa di occupa?

E-distribuzione: chi è e cosa fa?

Chi è E-distribuzione e cosa fa? Cosa c’entra con i nuovi contatori?

E-distribuzione:

E-distribuzione è la società del gruppo Enel che gestisce la maggior parte dei contatori dell’energia elettrica in Italia (quindi attenzione perché la gestione dei contatori non è compito dei fornitori di energia elettrica e gas!).

Il cambiamento dei contatori è portato avanti nel rispetto del decreto legislativo n. 102/2014 in materia di efficienza energetica, che recepisce la Direttiva europea 27/2012. I distributori hanno quindi l’obbligo di adottare sistemi di misurazione intelligenti che soddisfino i requisiti di tale decreto.

Gli smart meters offrono inoltre dei vantaggi (oltre a sostituire quelli di prima generazione che – passati 15 anni – non sono più funzionanti).

I contatori 2.0, infatti:

  1. offrono ai clienti informazioni più dettagliate sui tempi e sul profilo di consumo dell’energia elettrica
  2. Lo scopo è aumentare la loro consapevolezza e favorire la concorrenza nei servizi di vendita.

Entriamo nel dettaglio di cosa sono questi nuovi contatori e come funzionano.

Nuovi contatori smart meters: cosa sono e come funzionano

Cosa sono i contatori smart meters? E come funzionano?

contatore elettronicoAbbiamo detto che introducono importanti vantaggi quali informazioni più dettagliate sul profilo di consumo. Come fanno? I contatori smart dispongono di funzionalità aggiuntive rispetto ai contatori di prima generazione, che permettono una migliore comunicazione dei dati sui consumi elettrici degli utenti.

Il consumo registrato dai contatori e la loro telelettura è tuttora un punto critico del processo di fatturazione. Ancora oggi la bolletta rischia di arrivare con consumi stimati e non al netto di quanto davvero consumato. Cosa che poi costringe a effettuare un conguaglio.

Buono a sapersi:

Il contatore smart 2.0 consente una gestione diretta dei consumi, nell’ottica di una maggiore efficienza energetica.

Vediamo – riassumendoli – i principali vantaggi dei contatori smart meters:

Nuovi contatori smart meters: i vantaggi

I vantaggi che porteranno i contatori smart 2.0 sono:

  • l’eliminazione delle bollette con consumi stimati (cosa che consentirà anche volture e cambi di fornitore più veloci).
    IMPORTANTE: verificare i consumi permette di avere una bolletta basata sui consumi effettivi e non su quelli stimati, come accade con il contatore di prima generazione. I nuovi contatori hanno, inoltre, una accuratezza maggiore per quanto riguarda il rilevamento: infatti i consumi effettuati sono memorizzati e contabilizzati in base al tempo di utilizzo, anche allo scopo di creare una curva di consumo storica per il cliente.
  • il superamento del sistema delle fasce predefinite (ci saranno nuove offerte con fasce orarie flessibili oppure soluzioni prepagate)
  • il cliente può visualizzare i dati dei consumi sul display oppure online da pc, smartphone o tablet. Conoscere bene il proprio profilo è importante anche per scegliere la tariffa giusta e risparmiare, di conseguenza, sulla bolletta della luce.

Probabilmente apprezzerete questi vantaggi, ma vi chiederete come può un contatore comunicare in automatico con il vostro fornitore. Ve lo spieghiamo subito.

Chiama gratis al seguente numero per maggiori info su come risparmiare in bolletta!

02 94 75 67 37

Info

Nuovi contatori smart meters: come funziona l’autolettura

Come funziona l’autolettura con i contatori smart 2.0?

Autolettura contatoreLa connessione per la telelettura e telegestione avviene grazie alla rete elettrica Power Line Carrier (PLC), in una banda riservata alle imprese di distribuzione. La tecnologia PLC sfrutta la stessa infrastruttura elettrica del contatore stesso ed è ritenuta affidabile e idonea a raggiungere la totalità dei contatori.

Vogliamo ora togliervi ogni curiosità circa l’installazione dei nuovi contatori, spiegandovi brevemente come è stata prevista e qual è la procedura.

Nuovi contatori smart meters: l’installazione

Come funziona l’installazione dei nuovi contatori smart meters?

  • La sostituzione del vecchio contatore della luce viene comunicata da E-distribuzione, con 5 giorni di anticipo, tramite l’affissione di un avviso all’ingresso di ogni casa interessata dall’intervento, dove saranno riportati sia data che fascia oraria previsti per l’operazione.
  • La presenza del cliente non è necessaria, a meno che non sia indispensabile per l’accesso al contatore (se questo ad esempio è posizionato all’interno dell’abitazione).
  • L’intervento della sostituzione del contatore della luce è gratuito per il cliente, ma comporta una breve sospensione della luce.

Vediamo qual è la situazione attuale dell’installazione di tali contatori in Italia.

Nuovi contatori smart meters: la situazione odierna

Qual è la situazione attuale dell’installazione di tali contatori per l’energia elettrica?

enel contatoreL’Italia è stato il primo paese europeo a introdurre su larga scala gli smart meter elettrici, per i clienti finali, in bassa tensione ed è tuttora il primo paese al mondo per numero di smart meter di energia elettrica in servizio (oltre 35 milioni).

Buono a sapersi:

Secondo un recente report della Commissione europea, il sistema italiano di smart metering, con sostituzione dei contatori  tradizionali dal 2001, è stato il più efficiente in Europa.

Il settore gas non fa eccezione: la sostituzione dei contatori gas tradizionali con smart meter è stata avviata per iniziativa dell’Autorità, partendo dai contatori di maggiore portata (classe G40 e superiore) ed è stata progressivamente estesa ai contatori di calibro dapprima intermedio e, dal 2013, ai contatori gas di minore portata per usi domestici (classe G4-G6).

Chiudiamo ora la nostra guida con una curiosità.

Nuovi contatori smart meters: curiosità

Parliamo di curiosità: parliamo di innovazione tecnologica!

Già ora (che l’installazione della versione 2.0 dei contatori non è ancora portata a termine) c’è chi crede si stia lavorando a un modello successivo dei contatori della luce: la versione 2.1.

Cosa cambierebbe?

  • La versione 2.1 del contatore potrebbe integrare canali di comunicazione, che attualmente non sono maturi per l’applicazione o non diffusi su tutto il territorio nazionale.
  • Un esempio? Sistemi di comunicazione basati su tecnologie wireless oppure wired, cioè che ricorrono alla fibra ottica.

Per ricevere assistenza nella scelta e nell’attivazione delle offerte luce e gas, contattaci oggi stesso gratuitamente

02 94 75 67 37

Info

Aggiornato su 29 Lug, 2021

redaction La redazione di Prontobolletta
Redactor

Carolina D.

Redattrice

Commenti

bright star bright star bright star bright star grey star

Per saperne di più sulla nostra politica di controllo, trattamento e pubblicazione dei commenti leggi le nostre menzioni legali.