Come effettuare il cambio di residenza a Roma

Servizio Gratuito: 4,8/5  su Trustpilot ⭐⭐⭐⭐⭐


Servizio Gratuito: 4,8/5  su Trustpilot ⭐⭐⭐⭐⭐


Sommario: Cambio residenza Roma – informazioni, documenti e consigli utili per effettuare la variazione del proprio indirizzo all’interno della capitale. Scopri di più.

Stai per trasferirti nella capitale e devi effettuare un cambio di residenza a Roma? In questo articolo vedremo insieme quali sono tutti i passaggi tecnici e burocratici da seguire per non diventare vittima dei soliti lunghi processi burocratici, necessari alla corretta variazione di indirizzo.

Effettivamente, spostarsi da una città all’altra comporta, inevitabilmente, l’attuazione di una serie di passaggi amministrativi destinati a portare a buon fine il tuo cambio di residenza.

A tal proposito è bene sottolineare che il cambio di residenza è indispensabile, nonché obbligatorio, in ottemperanza a quanto stabilito dal Decreto Legge n. 5 del 9 febbraio 2012 modificato dalla Legge n.35 del 4 aprile 2012.

Questo è dovuto al fatto che effettuare tale cambio consente il corretto soddisfacimento di determinati diritti e doveri.

Dunque, scopriamo insieme cos’è un cambio di residenza, come si effettua e che cosa comporta.

Cambio residenza Roma – cos’è un cambio di residenza

I vari spostamenti di abitazione comportano modifiche di residenza nei vari Comuni. Che si tratti un cambio di residenza a Roma, cambio di residenza Torino o a Firenze, occorre sapere bene quali sono le pratiche amministrative da adottare e, dunque, come è necessario procedere.

In generale, e salvo specifici casi, ogni persona è libera di determinare la residenza che reputa più adeguata alle proprie esigenze, in ogni momento della propria vita.

Nel momento in cui decidiamo di spostare il nostro indirizzo per un cambio di abitazione, occorre comunicare quanto stabilito all’Ufficio Anagrafe del Comune in cui intendiamo abitare.

In questo caso, si tratta di residenza anagrafica.

Per effetto dell’acquisizione della residenza anagrafica, ogni cittadino viene iscritto nel registro della popolazione il quale garantisce il corretto rilascio della certificazione anagrafica e l’abilitazione ad usufruire dei servizi demografici.

Chi può richiedere il cambio di residenza?

Tutti coloro che intendono inoltrare un cambio di residenza devono aver raggiunto la maggiore età ed essere muniti di un documento d’identità in corso di validità.

Nell’evenienza il cambio riguardi un intero gruppo familiare, la domanda deve essere richiesta da un soggetto maggiorenne che abbia la responsabilità parentale o sia tutore degli eventuali minori presenti nella famiglia stessa.

Pertanto, coloro che possono richiedere un cambio di residenza sono:

  • Cittadini italiani
  • Nuclei familiari con cittadinanza italiana
  • Persone provenienti dall’estero
  • Persone inserite nel fascicolo anagrafico della popolazione residente di un altro comune appartenente al suolo italiano
  • Soggetti iscritti all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (A.I.R.E).

Come effettuare un cambio residenza Roma

Nel caso tu decida o abbia necessità di spostare la tua residenza nel Comune di Roma, i passaggi da seguire sono semplici.

In primo luogo, occorre dire che il Comune di Roma è suddiviso in ben 15 municipi a loro volta ripartiti in 155 zone urbanistiche.

A tal proposito, per effettuare il corretto cambio di residenza sarà necessario fare rifermento al municipio di competenza corrispondente al quartiere in cui intendi spostarti.

Dunque, nel momento immediatamente successivo alla stipula del contratto di vendita o di locazione e, una volta che questo sia stato correttamente registrato presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate, sarà possibile presentare la propria domanda di cambio residenza Roma.

È importante dire che l’esatta registrazione del contratto all’Agenzia dell’Entrate deve essere portata a termine mediante l’apposita compilazione del Modello RLI (Registrazione Locazioni Immobili).

Quanto tempo occorre per un cambio di residenza?

Come sopra accennato il tempo stabilito per un adeguato cambio di residenza è disciplinato dal Decreto Legge n. 5 del 9 febbraio 2012 relativo alle Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo.

A tal proposito, tra i vari obiettivi, il suddetto documento è stato formulato allo scopo di abbreviare i generali tempi previsti per la chiusura di una pratica di cambio residenza.

Infatti, secondo il D.L. le autorità incaricate devono provvedere alla definizione delle iscrizioni anagrafiche presso i vari territori comunali entro 48 ore dal momento della presentazione della domanda di cambio residenza da parte di un individuo.

A tal riguardo, il Comune di Roma sin dal 2012 ha pienamente aderito al piano previsto per il cambio di residenza in tempo reale.

Pertanto, il procedimento viene e avviato e concluso entro un tempo corrispondente a due giorni.

Ti facciamo risparmiare sulle bollette luce e gas. Chiamaci e attiva le migliori offerte

02 94 75 67 37

Info

Modello unico ministeriale di dichiarazione anagrafica per cambio residenza Roma

Al fine di presentare, nel modo corretto, la propria richiesta di cambio residenza all’Ufficio Anagrafe del distretto municipale di Roma in cui si desidera spostarsi, è necessario compilare e presentare l’apposito modulo di cambio residenza.

In più, la persona che presenta la domanda dovrà allegare al modello unico ministeriale di dichiarazione anagrafica una copia del proprio documento di identità in corso di validità insieme a quello delle persone che si trasferiscono nella medesima residenza.

Per trovare il suddetto modulo basta accedere al sito del Comune di Roma e cliccare sulla sezione dedicata alla modulistica.

Inoltre, il soggetto incaricato di effettuare la domanda dovrà attendere che il l’Ufficiale d’Anagrafe svolga i normali controlli per accertarsi che la dichiarazione fornita sia veritiera.

A tal proposito, è importante sapere che l’Ufficio non può accettare richieste di cambio residenza compilate in carta libera o, in ogni caso, stilate in un formato diverso dall’apposito modulo.

Infine, il modulo va necessariamente compilato in tutte le sue parti.

Come presentare domanda di cambio residenza Roma con l’apposito modulo

Se ti stai spostando nel Comune di Roma e hai già provveduto alla corretta compilazione dell’apposito modulo, previsto per il cambio di residenza, allora non ti resta che consegnarlo presso l’Ufficio Anagrafe del Municipio della zona in cui desideri risiedere.

Per farlo è possibile scegliere fra quattro diverse modalità:

  • Recandoti direttamente presso la sede dell’Ufficio Anagrafica
  • Inviando il modulo via mail, oppure, se possiedi un indirizzo di Posta Elettronica Certificata puoi inviare una PEC unitamente alla copia del documento di identità del soggetto dichiarante
  • Inoltrando il modello unico ministeriale di dichiarazione anagrafica mediante fax
  • Attraverso lettera raccomandata con allegato una copia del documento di identità della persona dichiarante.


Un elemento importante è dato dal fatto che, nell’evenienza in cui l’abitazione in cui si desidera spostarsi fosse già abitata da altri soggetti, è necessario che un rappresentante maggiorenne tra le persone già residenti, fornisca un’apposita dichiarazione che attesti l’effettivo arrivo di altri individui.

Tale dichiarazione di conoscenza potrà essere fornita procedendo alla compilazione dell’apposita sezione presente nel modello unico ministeriale di dichiarazione anagrafica.

Inoltre, a questo documento dovrà essere allegata una fotocopia del documento di riconoscimento della persona che redige la dichiarazione.

Nel caso questa dichiarazione non venisse fornita, l’Ufficiale non potrà concedere l’approvazione al cambio di residenza e la pratica verrà considerata nulla.

Documentazione necessaria al cambio residenza Roma

Dunque, riepilogando, la documentazione necessaria per effettuare un cambio residenza Roma è la seguente:

  • Il modello unico ministeriale di dichiarazione anagrafica
  • I dati personali del soggetto che effettua la richiesta di cambio residenza
  • Il proprio titolo di studio e l’attuale situazione professionale
  • L’attestazione di residenza in cui il soggetto precisa la propria provenienza
  • I dati catastali dell’immobile e il tipo di rapporto stipulato (acquisto, locazione, usufrutto, ecc.)
  • L’indicazione del nuovo indirizzo della propria abitazione
  • I dati anagrafici dei membri familiari in caso di trasferimento di un nucleo familiare.

Fornitura energia elettrica e metano a Roma

Una volta terminate le pratiche per l’acquisto di un nuovo immobile nella città di Roma, per ricevere le tue forniture di energia elettrica e metano dovrai effettuare il trasloco delle utenze.

In altre parole, andando ad occupare i nuovi locali dovrai concludere i contratti di fornitura della tua precedente abitazione e richiedere ai gestori il cambio dell’intestatario per quanto riguarda le nuove utenze.

Nel caso più comune, quando andiamo ad occupare un locale in cui luce e gas risultano già allacciati e il contatore è già presente, saremo nella situazione di chiedere ai gestori una tra le seguenti operazioni:

  • Subentro
  • Voltura

Subentro e voltura

Nel primo caso, il precedente intestatario ha già provveduto a chiudere i contratti con i fornitori di energia elettrica e/o gas.

Dunque, l’inquilino entrante sarà libero di scegliere il nuovo fornitore che preferisce per le sue utenze.

Attualmente, grazie alle diverse tariffe caratterizzanti il libero mercato, le offerte luce e le offerte gas sono molteplici.

Per effettuare il subentro sarà sufficiente contattare il nuovo fornitore e, manifestando la volontà di sottoscrivere un nuovo contratto, fornire i dati dell’utenza.

In particolare, sarà necessario comunicare:

  1. I dati personali del nuovo intestatario
  2. L’indirizzo della fatturazione e il codice IBAN, se si opta per la domiciliazione in conto corrente bancario.
  3. Il codice univoco del contatore associato alla utenza nella quale si desidera subentrare. Si tratta del POD per l’energia elettrica e del PDR per il gas.


Invece, nel caso in cui non sia mai stata fatta alcuna richiesta di cessazione dei precedenti contratti di luce e gas, il nuovo proprietario dei locali potrebbe entrare con forniture già attive e funzionanti, ma intestate alla persona che vi abitava precedentemente.

In questi casi, il procedimento di voltura è simile.

Infatti, sarà necessario rivolgersi alle compagnie fornitrici di energia elettrica e/o di gas per comunicare il cambio di intestatario avvenuto.

Anche qui, è importante fornire i codici che identificano i contatori, i quali saranno associati al nuovo proprietario che aprirà, contestualmente, un contratto di fornitura con la compagnia.

Ovviamente all’interno del libero mercato italiano, è possibile in qualunque momento, e senza pagare alcuna penale, cambiare il proprio gestore di luce e gas.

Ora che hai tutte le informazioni sul cambio di residenza Roma, puoi effettuare la pratica scaricando qui il modulo.

Oppure, se sei interessato al cambio di residenza a Milano leggi il nostro articolo dedicato.

Per ulteriori informazioni sulle normative in vigore per il cambio di residenza o temi similari, ti invitiamo a visitare il sito della Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana a questo link.

Chiamaci per conoscere le migliori offerte luce e gas

02 94 75 67 37

Info

Aggiornato su 14 Set, 2021

redaction La redazione di Prontobolletta
Redactor

Carolina

Redattrice

Commenti

bright star bright star bright star bright star grey star

Per saperne di più sulla nostra politica di controllo, trattamento e pubblicazione dei commenti leggi le nostre menzioni legali.