Cambio residenza Torino cosa sapere

Servizio Gratuito: 4,8/5  su Trustpilot ⭐⭐⭐⭐⭐


Servizio Gratuito: 4,8/5  su Trustpilot ⭐⭐⭐⭐⭐


Sommario: Cambio residenza Torino e tutto quello che occorre sapere per effettuare la modifica del nostro indirizzo in caso di trasferimento nella città piemontese.

Se stai pensando di trasferirti in una nuova abitazione e desideri conoscere come fare un adeguato cambio di residenza a Torino, in questo articolo scopriremo insieme tutto quello che occorre sapere per effettuare i vari passaggi in modo semplice e corretto.

Infatti, nel momento in cui viene messo in atto un trasloco da una città all’altra, gli elementi da tenere in considerazione sono molti e alcuni di questi sono estremamente importanti.

A tal riguardo, richiedere il cambio di indirizzo in passato, che ricordiamo è sempre giuridicamente indispensabile, era un processo tanto semplice quanto lungo.

Invece, negli ultimi anni il governo italiano ha ottimizzato notevolmente i tempi grazie all’apposito Decreto Legge 9 febbraio 2012 n.5 aggiornato poi con la Legge 35 del 4 aprile 2012.

  • In effetti, tale normativa ha ridotto il tempo necessario alla corretta chiusura del cambio di residenza da due mesi, a due effettivi giorni lavorativi.


Infine, è importante ricordare che ad ogni cambio di indirizzo corrispondono determinati oneri e diritti.

Cos’è un cambio residenza a Torino

Come tutte le variazioni, quali il cambio di residenza a Roma o a Milano, anche per spostarsi nella città di Torino occorre tenere presente alcuni aspetti di questa necessaria procedura burocratica.

In quest’ottica è possibile comprendere bene cosa effettivamente sia un cambio di residenza e cosa comporta.

Cambio di residenza come avviene

Se prendiamo in esame l’aspetto giuridico, bisogna sottolineare che ogni individuo che si sposta sul suolo globale ha diritto a scegliere in modo del tutto libero dove vivere.

Questo principio subisce delle modifiche esclusivamente in determinate e particolari situazioni.

Pertanto, una volta che abbiamo stabilito la nostra meta e decidiamo di trasferire tutte le nostre cose in una nuova abitazione,

  • il primo passo da fare è quello di dare precisa comunicazione all’Ufficio Anagrafica presente nel comune in cui ci stiamo spostando.


Questo passaggio è importante per la nuova costituzione della nostra cosiddetta residenza anagrafica.

Infatti, una volta acquisita questa attestazione saremo automaticamente inseriti nel registro della popolazione e ci verrà rilasciata l’apposita certificazione anagrafica.

Quali soggetti possono richiedere il cambio di residenza?

Possono legalmente e formalmente richiedere un cambio di residenza tutti i cittadini maggiorenni dotati di regolare e adeguato documento identificativo.

Se il trasferimento vede protagonista un nucleo familiare, allora, la richiesta del cambio di indirizzo deve essere necessariamente inoltrata da un soggetto che abbia raggiunto la maggiore età e sia responsabile degli eventuali bambini presenti nella famiglia.

Riassumendo, possono domandare un cambio di residenza:

  • Cittadini nazionali
  • Famiglie italiane
  • Soggetti regolarmente registrati all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (A.I.R.E)
  • Soggetti stranieri
  • Individui risultanti all’interno della cartella anagrafica della popolazione residente di un altro comune italiano.

Come fare un cambio residenza Torino

Come accade per il cambio residenza a Firenze, anche nelle altre città e, dunque, a Torino, occorre tenere presente determinate indicazioni.

Più in particolare, bisogna sottolineare che la città di Torino è articolata in 8 grandi circoscrizioni, ciascuna delle quali possiede la propria gestione della zona.

Inoltre, la domanda di cambio indirizzo dovrà essere inoltrata solo in seguito alla stipulazione del proprio contratto di locazione o di acquisto dell’immobile.

Fatto questo, occorrerà registrare il documento presso gli sportelli dell’Agenzia delle Entrate mediante l’apposito modulo RLI e, solo allora, sarà possibile richiedere il cambio residenza Torino.

Nello specifico, nel caso il cambio di indirizzo avvenga da fuori città, occorrerà provvedere alla compilazione dello speciale modulo cambio residenza entro un termine previsto di 20 giorni dal trasferimento.

Al modulo andrà allegato un documento di identità in corso di validità.

Per quanto riguarda il trasferimento di un intero gruppo familiare, la domanda dovrà essere redatta da un maggiorenne appartenente alla famiglia anagrafica.

Invece, tutti i cittadini stranieri possono inoltrare la richiesta unitamente al permesso o alla carta di soggiorno in corso di validità.

Infine, il cittadino comunitario dovrà comprovare i requisiti richiesti per il soggiorno del territorio di Torino.

Tempo necessario al completamento della pratica di cambio residenza

Come sopra descritto, in base al Decreto Legge 5 del 9 febbraio 2012 vigente in materia di semplificazione e di sviluppo, attualmente il tempo necessario al completamento della pratica di cambio residenza è stato notevolmente ridotto rispetto a un decennio fa.

Infatti, secondo questa normativa, ogni autorità comunale deve disporre le registrazioni anagrafiche presso il municipio in un termine fissato a 48 ore a partire dal momento della presentazione della richiesta da parte di un soggetto maggiorenne.

Dunque, in conformità a questa disposizione governativa è possibile ricevere la nuova certificazione anagrafica entro un termine di due giorni lavorativi.

Ti facciamo risparmiare sulle bollette luce e gas. Chiamaci e attiva le migliori offerte

02 94 75 67 37

Info

Cambio residenza Torino – Modello unico ministeriale per cambio residenza

Come fin qui evidenziato, al fine di provvedere in modo adeguato al proprio trasferimento nella città di Torino, è indispensabile compilare in tutte le sue parti l’apposito modello unico ministeriale di dichiarazione anagrafica.

A tale proposito, il soggetto dichiarante dovrà allegare alla domanda una copia del proprio documento di identità.

È importante sapere che il comune non potrà accettare richieste compilate su carta diversa dal modulo indicato.

In questo caso, la domanda sarà resa nulla dall’autorità competente.

Come compilare il modello di cambio residenza

Inoltre, il soggetto dichiarante dovrà compilare il modello di cambio residenza inserendo:

  • I propri dati personali
  • Gli eventuali dati statistici
  • Evidenziando le voci interessate.


Nel caso dei gruppi familiari, nella domanda dovranno essere riportati anche i dati e i documenti di riconoscimento dei componenti della famiglia stessa.

Il cambio di residenza può avere luogo mediante ingresso in una nuova abitazione, oppure, con sistemazione in una struttura già occupata.

Pertanto, in questo secondo caso, bisognerà provvedere a indicare:

  • I dati del soggetto che già occupa l’abitazione
  • L’eventuale rapporto di parentela
  • Una copia del documento di identità della persona o del nucleo familiare che si inserisce nella struttura.


In questa maniera, il soggetto o i membri della famiglia che subentrano nell’abitazione si sommano all’individuo o ai componenti della famiglia che già vivono nella struttura.

Una volta inoltrata la domanda occorrerà attendere che l’autorità d’anagrafe effettui gli appositi controlli per certificare l’esattezza delle informazioni riportate e richiedere la cancellazione di residenza presso il Comune italiano di provenienza.

Infine, bisogna sottolineare che il Comune di Torino ha stabilito che insieme all’istanza di trasferimento di residenza venga compilata anche la dichiarazione per l’applicazione della tassa prevista per la raccolta rifiuti.

Pertanto, è possibile trovare sia il modello unico ministeriale che il modulo Tarsu accedendo al sito del Comune di Torino.

Come presentare il modello unico ministeriale

Nel momento in cui decidi di spostarti presso il Comune di Torino da un altro comune italiano o dall’estero e hai già provveduto a compilare adeguatamente l’apposito modello unico ministeriale richiesto per il corretto cambio di residenza puoi consegnarlo alle autorità competenti in diversi modi.

In effetti, la domanda, corredata dal documento di identità del soggetto dichiarante e eventualmente dei componenti familiari,

può essere presentata nelle seguenti modalità:

  • Attraverso la diretta compilazione online all’interno del Portale Torino Facile (il sito è accessibile mediante SPID, TorinoFacile, CIEid e CNS)
  • Inviando una mail con i documenti debitamente compilati in ogni parte e gli allegati all’indirizzo: anagrafe@comune.torino.it (è previsto l’invio di un unico file in formato PDF di dimensioni non superiori ai 5 Mb)
  • Recandosi di persona allo sportello dedicato previo appuntamento. La prenotazione può essere effettuata attraverso il Portale Torino Facile, inviando una mail all’indirizzo: anagrafe@comune.torino.it, oppure, telefonando agli operatori dal lunedì al venerdì dalle ore 09.00 alle ore 12.00 al numero 011 011 253 80 (selezionare il tasto 8).

Documenti da presentare

Insomma, i documenti da presentare oltre il modulo di cambio residenza sono:

  • Le informazioni personali del dichiarante
  • Il titolo di studio e la qualifica professionale dello stesso
  • La provenienza comunale della persona che richiede il trasferimento anagrafico
  • I dati catastali dell’abitazione e il contratto sottoscritto
  • Il nuovo indirizzo di residenza
  • Le indicazioni anagrafiche dei componenti familiari in caso di spostamento di un nucleo familiare.

Fornitura energia elettrica e metano a Torino

Nel momento in cui completiamo le pratiche per la nuova attestazione di residenza possiamo tranquillamente pensare ad altre questioni come le offerte luce e offerte gas per la nostra fornitura di energia elettrica e metano nella città di Torino.

Generalmente, le pratiche da seguire sono quelle del subentro e della voltura.

Infatti, come noto, l’allacciamento avviene solo nel caso di acquisto di una struttura di recente costruzione.

Insomma, entrando nella nuova abitazione occorrerà terminare i precedenti contratti di fornitura e richiedere alle compagnie il cambio intestatario per la tua nuova utenza.

Un suggerimento è quello di fare una panoramica dei vari gestori attivi nel territorio torinese al fine di selezionare l’azienda più adatta alle nostre esigenze.

I documenti necessari al subentro e alla voltura

Per ricevere la corretta fornitura di luce e gas occorre sapere quali sono i documenti necessari al subentro e alla voltura.

Nel primo caso dovrai comunicare al tuo gestore:

  • I dati del nuovo soggetto intestario
  • Il codice univoco associato al tuo contatore, POD per quanto riguarda la luce e PDR per il metano
  • Le coordinate bancarie o l’indirizzo di fatturazione per il pagamento del servizio.


Lo stesso procedimento accade per quanto riguarda la voltura.

Inoltre, è importante sapere che, nel momento in cui non siamo più contenti del nostro servizio, è comunque possibile cambiare la compagnia di fornitura grazie alle numerose offerte attualmente presenti nel libero mercato.

Infine, per avere ulteriori informazioni non esitare a consultare il sito del Comune di Torino e a scaricare il modulo per il cambio residenza in alla sezione Modulistica.

Per altre informazioni riguardanti le normative in vigore per il cambio di residenza o temi similari, ti invitiamo a visitare il sito della Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana a questo link.

Chiamaci per conoscere le migliori offerte luce e gas

02 94 75 67 37

Info

 

Aggiornato il 14 Set, 2021

redaction La redazione di Prontobolletta
Redactor

Federica

Redattrice

Commenti

bright star bright star bright star bright star grey star

Per saperne di più sulla nostra politica di controllo, trattamento e pubblicazione dei commenti leggi le nostre menzioni legali.