Come risparmiare sul consumo di una lavastoviglie?

Annuncio: Servizio Gratuito. 4,8/5  su Trustpilot ⭐⭐⭐⭐⭐

Annuncio: Servizio Gratuito. 4,8/5  su Trustpilot ⭐⭐⭐⭐⭐

In secondo luogo, per ottenere un abbassamento delle spese spesso si utilizza come strategia raggiungere un abbattimento dei consumi. Questo aspetto è ancora più importante, in quanto implica una riduzione degli sprechi e delle emissioni. Di conseguenza risparmiare economicamente diventa anche vantaggioso per il pianeta. Infatti molti dei trucchi per diminuire i consumi e risparmiare denaro sono green e sostenibili.

In particolare l’uso degli elettrodomestici rappresenta uno dei modi più facili per abbassare i costi in bolletta relativi alla materia prima, quella della luce così come quella dell’acqua. Difatti il consumo lavastoviglie può essere inteso come elettrico così come di spreco di acqua (da qui le ricerche come “lavastoviglie consumo acqua 6 litri“).

Perciò ecco tutte le info sull’argomento, che ti possono essere utili prima di acquistare un elettrodomestico oppure per utilizzarlo con intelligenza.

Quanto consuma una lavastoviglie?

La lavastoviglie, così come la lavatrice o il frigorifero, è un elettrodomestico che oggi ha un ruolo fondamentale in casa. Questo perché velocizza moltissimo la procedura di lavaggio di pentole e piatti e rende più semplice e confortevole la vita di tutti i giorni.

Tuttavia è importante considerare il consumo della lavastoviglie prima di acquistarne una. Questo perché, esattamente come un’asciugatrice o un forno, la sua classe energetica e i suoi consumi possono influire notevolmente in bolletta e rappresentare un aumento di costi.

In generale una lavastoviglie consuma circa 2.5 kWh, però i modelli più innovativi di oggi consentono di ridurre questo consumo, raggiungendo il minimo di 1.2 kWh o 1.8 kWh. Ciò è possibile grazie a nuovi metodi di lavaggio e tecnologie che danno accesso a programmi eco, che risparmiano non solo l’acqua ma anche l’energia elettrica.

Per capire meglio il consumo della lavastoviglie può essere utile una stima di costo, cioè rispondere alla domanda “quanto costa un lavaggio della lavastoviglie?“. Nonostante questo però quando leggi queste info online ricorda che si tratta di calcoli teorici, che possono cambiare notevolmente in base all’utilizzo dell’elettrodomestico e alla frequenza con cui lo si usa.

Approfitta del risparmio sull’energia elettrica!

02 94 75 67 37

Info

In più l’andamento del prezzo della materia prima, come la corrente elettrica, influisce notevolmente sul costo mensile di una lavastoviglie. Ad esempio le stime dell’Unione Europea nel 2017 dichiaravano che un modello da 23 coperti in classe A potesse costare circa 123 euro l’anno. Oggi questa valutazione potrebbe essere completamente diversa in quanto è cambiato di molto il costo dell’energia elettrica nel tempo e sono differenti anche le classi energetiche degli elettrodomestici.

Lavastoviglie da incasso Hotpoint

669,00 €

Classe di efficienza energetica D

  • icon star Consegna al piano gratuita
  • icon spaceship Ritiro dell'usato contestuale alla consegna
  • icon green-leaf Migliori performance di asciugatura e consumi di energia ridotti:

Hotpoint non è partner di Papernest


Lavastoviglie da incasso Hotpoint

535,00 € Il totale include IVA

Classe di efficienza energetica C

  • icon spaceship Consegna al piano gratuita
  • icon saving Ritiro dell'usato alla consegna
  • icon star Riduzione del consumo di acqua.

Hotpoint non è partner di Papernest


Lavastoviglie da incasso Whirlpool

400,00 € Il totale include IVA

Classe di efficienza energetica D

  • icon star Consegna al piano
  • icon green-leaf Ritiro dell'usato contestuale alla consegna
  • icon saving Consulenza Telefonica per te

Whirlpool non è partner di Papernest


Lavastoviglie da incasso Whirlpool

524,00 € Il totale include IVA

Classe di efficienza energetica C

  • icon spaceship Consulenza Telefonica per te
  • icon star Ritiro dell'usato contestuale alla consegna
  • icon saving Consegna al piano

Whirlpool non è partner di Papernest

Come posso risparmiare sulla mia lavastoviglie?

Per poter risparmiare sul consumo lavastoviglie Watt (e quindi anche su quello in euro a fine mese) può essere utile seguire alcune indicazioni e suggerimenti di utilizzo. Per abbassare il consumo degli elettrodomestici il primo passo è acquistare modelli che siano di classi energetiche elevate. Ricorda infatti che l’odierna classe D è quella che in passato era considerata A+++.

In aggiunta a questo è fondamentale seguire alcuni consigli sulla lavastoviglie. Tra questi ci sono:

  1. Usare l’elettrodomestico solo a pieno carico per evitare sprechi di energia;
  2. Caricare la lavastoviglie con precisione e in modo corretto, così da sfruttare la sua potenza e la sua tecnologia;
  3. Non sciacquare i piatti prima di caricarli, in quanto rappresenta uno spreco di acqua;
  4. Utilizzare con attenzione detersivi, sale per lavastoviglie e brillantante, così da mantenere in salute la lavastoviglie nel tempo;
  5. Sfruttare il più possibile i programmi “eco” per il risparmio energetico;
  6. Pulire il filtro periodicamente.

Quanto costa la lavastoviglie sulla bolletta a fine mese?

Il costo e il consumo della lavastoviglie, così come quello di un congelatore o di un purificatore d’aria dipendono da molti fattori. In primo luogo è fondamentale la classe energetica della lavastoviglie e in secondo luogo il prezzo della materia energia.

Alla risposta “quanto consuma lavastoviglie in un anno?” in generale, secondo le stime più recenti, la risposta è: il consumo di una lavastoviglie di classe A è pari a circa 150 euro l’anno.

Per i modelli di classe energetica più elevata il consumo elettrico lavastoviglie potrebbe ridursi. Infatti anche nell’uso dell’acqua i nuovi prodotti risultano più efficienti, ad esempio usano 6 litri di acqua per ciclo contro i 45 richiesti dai modelli più datati.

Quali tipologie di lavastoviglie sono presenti nel mercato?

Come per altri elettrodomestici, ad esempio il ventilatore o la stufa a pellet, anche per la lavastoviglie esistono molte tipologie diverse di prodotti. La prima distinzione da fare è sicuramente quella tra prodotti da incasso o a libera installazione. I primi (da cui la ricerca “consumo lavastoviglie da incasso“) vengono posizionati all’interno del mobile cucina, ad esempio con un pannello coprente dello stesso colore del mobile, mentre i secondi possono essere posizionati ovunque.

In aggiunta a questo, per capire quale lavastoviglie comprare, è possibile considerare altre caratteristiche tecniche. Tra queste ci sono:

  • L’avvio programmato;
  • La modalità stand-by disponibile;
  • La rumorosità;
  • Il numero di programmi di lavaggio disponibile;
  • La presenza del ciclo eco (ottimo per ridurre il consumo della lavastoviglie);
  • L’impostazione del carico (mezzo carico o completo).

Come scegliere la migliore lavastoviglie in base alle proprie esigenze

Come per il piano a induzione, anche per la lavastoviglie oggi ci sono moltissime alternative in commercio, che possono portare della confusione nel consumatore. Questi elettrodomestici di largo consumo infatti vengono prodotti da molti brand differenti e sono in continuo cambiamento. Per questo motivo scegliere la lavastoviglie per casa tua potrebbe non essere facile. Tuttavia per farlo potrebbero tornarti utili alcuni consigli.

Il primo è quello di considerare il consumo della lavastoviglie. Cioè è meglio spendere un po’ di più come investimento iniziale ma poi risparmiare con costanza sui consumi, piuttosto che risparmiare sul prezzo d’acquisto e poi avere un elettrodomestico energivoro nel tempo.

Allo stesso tempo un consiglio è quello di considerare eventuali detrazioni dedicate alla riqualificazione energetica degli immobili, che spesso prevedono bonus anche per coloro che vogliono sostituire i vecchi elettrodomestici. A questo link trovi maggiori info sull’argomento.

Cosa stai aspettando? Chiamaci e risparmia in bollette luce e gas!

02 94 75 67 37

Info

Aggiornato su 31 Mag, 2024

redaction La redazione di Prontobolletta
Redactor

Giada Ravalli